mercoledì 29 marzo 2017

Francesco Giordano nominato Cavaliere dell'Ordine al Merito Civile di Savoia





    Francesco Giordano nominato Cavaliere dell'Ordine al Merito Civile di Savoia

Con lettera ufficiale in data 22 marzo 2017, S.E. il Cav.SS.Ann. Johannes T. Niederhauser, Gran Cancelliere degli Ordini Dinastici di Casa Savoia, ha comunicato al Dottor Francesco Giordano, di Catania, che S.A.R. il Principe Vittorio Emanuele, Capo della Real Casa di Savoia e Gran Maestro degli Ordini Dinastici, gli ha conferito il titolo di Cavaliere dell'Ordine al Merito Civile di Savoia, in considerazione delle benemerenze acquisite verso la Casa Reale Italiana.
Tra le ultime attività del Dottor Giordano, scrittore saggista di letteratura e storia, giornalista nonché Guardia d'Onore alle Reali Tombe del Pantheon (il cui Presidente del Comitato d'Onore è SAR Vittorio Emanuele) a pro di Casa Savoia, la cura il recupero e la riconsegna alla città di Catania dei busti delle LL.MM. Umberto I e Vittorio Emanuele III allocati nelle Biblioteche riunite Civica e Ursino Recupero della città etnea, unitamente alla direzione della Biblioteca ed alla Delegazione di Catania INGORTP, in occasione della visita di SAR Emanuele Filiberto di Savoia nel maggio 2016.
L'Ordine al Merito di Savoia nasce per volontà del Principe Vittorio Emanuele IV nel 1988, quale ordine dinastico in seno all'Ordine Civile di Savoia: in quest'ultimo ordine venivano ammessi i letterati, gli artisti, gli scienziati e tutti coloro che onorarono lo Stato; tra costoro, Gioacchino Rossini, Giuseppe Verdi, Arrigo Boito, Giovanni Pascoli, Edmondo De Amicis, Michele Amari, Guglielmo Marconi, Francesco De Sanctis.  L'Ordine al Merito di Savoia si pone in continuità con l'Ordine della Corona d'Italia, conferito sino al 1983 da Re Umberto II.
Il Diploma ufficiale sarà personalmente consegnato dal Gran Maestro dell'Ordine, S.A.R. Vittorio Emanuele di Savoia, al dottor Francesco Giordano, il 23 settembre c.a. in Roma, in occasione del Capitolo generale degli Ordini Dinastici, che quest'anno si terrà nella Università Lateranense in territorio dello Stato della Città del Vaticano.

domenica 26 marzo 2017

Messa solenne a San Camillo in Catania in suffragio di Umberto II e Maria Josè di Savoja





       Messa solenne a San Camillo in Catania in suffragio di Umberto II e Maria Josè di Savoja 

L'appuntamento che come consuetudine, la Delegazione di Catania dell'Istituto Nazionale per la Guardioa d'Onore alle Reali Tombe del Pantheon, organizza a marzo con la Santa Messa di suffragio per le Loro Maestà Umberto II Re d'Italia e la Regina Maria Josè, ha avuto in questo 2017 una solennità speciale. Nell'anniversario della Madonna SS.Annunziata patrona di Casa Savoia  (alla Madre Celeste è intitolato il più prestigioso degli Ordini Dinastici sabaudi) cadente il 25 marzo, la sacra funzione si svolse nel fastoso tempio barocco di San Camillo dei Crociferi- Mercedari in Catania, alla presenza di numerose Guardie e di diversi insigniti degli Ordini Dinastici di Maurizio e Lazzaro e al Merito Civile di Savoia, onde rendere più importante l'evento, a cui erano presenti, oltre al Delegato catanese delle Guardie ing.Caruso, il Delegato regionale degli OO.DD. sabaudi e Consultore INGORTP gr.uff. Francesco Atanasio, il Vicario di Catania cav.uff.Giovanni Vanadia, alcuni Consultori e familiari.
Molto partecipata la predica dell'officiante Mons. Currò; i momenti liturgici sono stati allietati dalla voce del soprano Nadia Suriano; nella preghiera dei fedeli, importante la citazione, da parte del Delegato alla Cultura INGORTP cav.Davide Truscello, del ricordo dei caduti che in guerra diedero la vita per la Patria; prima della chiusura della S.Messa, il Delegato INGORTP di Catania Caruso ha voluto brevemente ricordare come durante il recente incontro ad Altacomba, SAR Vittorio Emanuele IV Capo della Real Casa di Savoja, abbia particolarmente sottolineato di "avere nel cuore e pensare sempre" alla Sicilia ed a Catania, quali fedelissimi della dinastia sabauda.  Altresì importante l'intervento dell'avv.Atanasio, che ha inteso con particolari ricordare la figura dell'ultimo Re d'Italia Umberto II e le sue opere politiche e di misericordia, tra le quali la concessione alla Sicilia dello Statuto autonomista, nel maggio 1946, che, ha giustamente egli precisato,  "un ceto politico indegno ha travisato"; e il dono della Sacra Sindone al Papa oggi Santo, Giovanni Paolo II, alla vigilia della morte.
Dopo la Messa, nella sagrestia di San Camillo, ospiti della GdO Beniamino Sorbera (che ha ricevuto un attestato di merito INGORTP per i 30 anni di militanza), l'avvocato Atanasio ha voluto, in un clima di festa fraterna approssimandosi la Santa Pasqua, comunicare le decisioni prese dalla Giunta degli OO.DD. riunita il 3 marzo a Ginevra, la quale ha deciso di procedere al passaggio dei Consultori catanesi dott.Filippo Cuva e dott.Pietro Suriano all'Ordine di Maurizio e Lazzaro, come alla GdO dott.ssa Enza Speranza è stato dato l'avanzamento a Dama di Commenda mauriziana; altresì sono stati ammessi nell'Ordine al Merito Civile di Savoja le GdO sign.Giovanni Campanella, dott.Giuseppe Di Dio e dott.Francesco Giordano, unitamente alla N.D. Pina Valore come Dama di Commenda. Erano presenti le GdO di Catania Aversa, Schinocca, Dolci, Valore, Caruso, Guarino, Vella, La Torre, Villani Conti, Tringale, Arena e altri; fra gli insigniti il cav.Calabrese.

                                                                                                                ***

sabato 18 marzo 2017

Guardia solenne al Padre della Patria in occasione dell'anniversario della nascita del Regno d'Italia, Roma Pantheon 17 marzo 2017





Solenne Guardia alla tomba di sua Maestà Vittorio Emanuele II, Padre della Patria, 17 marzo 2017, al Pantheon di Roma, a cura dell'Istituto Nazionale per la Guardia d'Onore alle Reali Tombe (Presidente del Comitato d'Onore SAR Vittorio Emanuele IV di Savoja Principe di Napoli), in occasione del 156° anniversario della proclamazione del Regno d'Italia da parte del Parlamento di Torino, segno tangibile dell'Unità nazionale. Picchetto d'onore dei Granatieri di Sardegna, corona e omaggio della Presidenza del Consiglio dei Ministri con la presenza del Sottosegretario Rossi.
Tra le Guardie alla gloriosa bandiera dell'Istituto, già Comizio generale dei Veterani, il nob.dott. Francesco Giordano di Catania, appositamente giunto nella città eterna, dalla Sicilia fedelissima alla Patria, ieri come oggi e domani.

giovedì 9 marzo 2017

Partito Alternativa Monarchica: Demolizione di manufatto storico a Siracusa

Riceviamo e pubblichiamo:


RI2017003

PARTITO DELLA
Alternativa Monarchica
Addetto alle relazioni internazionali


LETTERA APERTA



Oggetto:   demolizione di manufatti storici a Siracusa

08/03/2017

Apprendiamo in questi giorni che il demanio militare intende demolire il bunker-postazione militare antiaerea della Seconda Guerra Mondiale che si trova a Siracusa in Località Rive Bianche. Si tratta di un bunker in cemento armato che costituisce un’interessante testimonianza storico-culturale. Ufficialmente le ragioni che spingono il demanio sarebbero che il manufatto costituirebbe pericolo per la pubblica incolumità, tuttavia osserviamo che in altre nazioni simili costruzioni sono state restaurate come testimonianza di un particolare periodo storico. Forse la Francia ha demolito porzioni di linea Maginot? Il manufatto non potrebbe essere restaurato e- o consegnato in gestione ad un ente benemerito come il FAI che si occupa della tutela della storia e del paesaggio italiano?



Davide Pozzi Sacchi di Santa Sofia
Addetto relazioni internazionali PdAM